Momenti iconici della storia del Festival Danza Estate

Nelly Fognini racconta i 31 anni della manifestazione che ha portato il meglio della danza internazionale in città

Anima l’estate bergamasca dagli anni Ottanta, portando in città danzatori di fama mondiale e regalando performance imprevedibili. È il Festival Danza Estate, la rassegna internazionale di danza contemporanea di Bergamo. Per non dimenticare quanto di bello è stato fatto negli anni passati (ormai siamo alla trentunesima edizione), abbiamo chiesto a Nelly Fognini, la storica direttrice artistica (incarico ora passato a Alessandra Pagni e Flavia Vecchiarelli), di identificare i 5 momenti più iconici del Festival. Perché il Danza Estate è una di quelle realtà belle e durature che fanno di Bergamo una città culturalmente vitale.

La manifestazione, creata nel 1989 da Csc Anymore, dallo scorso anno è interamente progettata e curata dalla cooperativa sociale 23/C ART, di cui Nelly è presidente. All’inizio gli spettacoli in programma erano un paio o poco più, “ma abbiamo sempre avuto il sostegno del Comune – spiega lei – oltre a esserci guadagnati quello del Ministero dei Beni Culturali e di Regione Lombardia”.

In principio (o quasi) fu Uotinen
Uno dei primi spettacoli di Danza Estate fu quello del danzatore finlandese Jorma Uotinen, che venne a ballare, da solo, al Teatro Sociale non ancora ristrutturato. “Ci piaceva organizzare performance al Sociale, anche se era una sfida capire come mettere il pubblico, a seconda delle mostre che erano allestite. A volte mettevamo una pedana per il pubblico dove ora c’è il palco, o viceversa, oppure mettevamo i ballerini al centro e il pubblico tutto intorno”.
Jorma Leo Kalevi Uotinen è un ballerino, cantante e coreografo finlandese, che ha lavorato molto all’estero, ottenendo premi e riconoscimenti internazionali nella sua carriera. Negli anni Settanta è stato un ballerino del Finnish National Ballet, di cui poi è stato anche direttore artistico. Ora è diventato anche cantante ed è stato uno dei giudici della versione finlandese di “Ballando con le stelle”.

Montalvo, un maestro d’eccezione
José Montalvo è un importante danzatore e coreografo francese, nato da esuli della guerra civile spagnola. Vincitore nel 2001 del Laurence Olivier Award per la miglior produzione di danza, il suo lavoro è stato eseguito in Europa, America e Asia. Oltre a essersi esibito nel Festival Danza Estate, ha avuto un importante ruolo come insegnante. Prima di diventare famosissimo ha formato un’intera generazione di maestri di ballo a Bergamo: “Ha fatto tantissimi seminari da noi negli anni Novanta, le persone che ha formato ora insegnano nelle varie scuole della bergamasca”.

Un saggio di danza particolare
Nei primi anni del Festival, attaccavamo alla manifestazione anche il saggio degli allievi più meritevoli”, ricorda Nelly Fognini. Uno di questi si tenne nel glorioso e compianto cinema-teatro Rubini di via Paleocapa, mentre Enzo Jannacci salì sul palco per cantare.

24 ore di danza nel chiostro
La Chiesa di Sant’Agostino, prima della ristrutturazione, era una delle sedi del Festival: “Era difficile allestire la chiesa, ma era un posto magico. Una volta, erano gli anni ‘90, ci fu una 24 ore no stop di danza contact nel chiostro piccolo, usando la chiesa come retropalco. Il direttore era lo svizzero Urs Stauffer, che è stato invitato anche quest’anno per l’omaggio a Pina Bausch. I ballerini hanno fatto i turni e continuava a venire gente a vederci, io scelsi di ballare di notte perché c’era atmosfera”.

(foto Renato Mangolin)

L’inaugurazione del Teatro Sociale
Nel maggio 2009 venne riconsegnato alla città, ristrutturato, il Teatro Sociale in Città Alta. A inaugurarlo fu proprio il Festival Danza Estate: “Eravamo convinti di essere ancora nella chiesa di Sant’Agostino, ma pochi giorni prima ci chiesero se ci sarebbe piaciuto portare il Festival al Sociale, credo con lo spettacolo dei Kataklò. Ricordo che il teatro era sporchissimo e ci fu molto da lavorare, ma poi si rivelò meraviglioso, c’è stato il pienone, un bel pubblico”.

Insomma, trentuno anni di danza decisamente avvincenti. E anche quest’anno sarà così. L’edizione 2019 prenderà il via il 9 maggio per concludersi il 6 luglio. Tantissimi gli spettacoli: tutto il programma è sul sito, ma presto ci ritorneremo. Intanto viva il Danza Estate!

https://www.festivaldanzaestate.it/

Questo sito utilizza cookies tecnici e di analisi statistica, propri e di terze parti. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra pagina . maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi