I grandi miti raccontati ai bambini, tra libri e teatro

Due spettacoli teatrali e un libro per far scoprire ai più piccoli il mondo dei miti greci: storie appassionanti che raccontano la nascita della nostra cultura.

I miti classici sono tra le storie più belle che si possano raccontare a un bambino. C’è dentro di tutto: personaggi favolosi, superpoteri, una narrazione potente e appassionante delle nostre origini. Per questo credo che non ci perderemo l’ultimo spettacolo di Fiato ai libri Junior, il festival di teatro lettura, che sabato alle 16.30 fa tappa al parco comunale Carlo Collodi di Orio al Serio (se dovesse piovere al teatro comunale di via De Amicis). L’ingresso è come sempre gratuito, fino a esaurimento dei posti.

Mitico! Sabato 20 ottobre a Orio

Protagonista sarà il libro “Mitico!”, di Pierangelo Frugnoli e Annalisa Strada con illustrazioni di Flavia Sorrentino (casa editrice Il castoro, 12.50 euro, compreso di cd musicale). Frugnoli è anche un membro degli Aedo Pop, che terranno la lettura, rivolta ai bambini a partire dai 5 anni. Il duo composto da Giorgio Personelli (voce) e Pierangelo Frugnoli  (chitarra) è specialista in teatro lettura, non a caso il loro nome riprende quello di “aedo”, che nell’antica Grecia era il cantore professionista.

Il libro e lo spettacolo uniscono il racconto del mito al canto, infatti gli autori hanno composto nove canzoni da ascoltare e cantare per imparare i miti più noti nella storia dell’umanità. Achille, Ulisse, gli Argonauti, il Minotauro, gli Dei dell’Olimpo sono raccontati dalla penna inconfondibile di Annalisa Strada e trasposti in parole e musica da Pierangelo Frugnoli. “Mitico!” è uno spettacolo per bambini che riprende la tradizione omerica, perché le storie si possono raccontare anche con la musica. I bambini saranno avvolti da questa atmosfera “mitologica”, condita con le gag comiche e la simpatia degli Aedopop.

Giro Giro Mito – 25 novembre a Bergamo

Il Pandemonium Teatro ha nei suoni nuovi progetti teatrali “Giro Giro Mito” (regia di Lisa Ferrari) rivolto ai bambini dai 4 anni in su. Doveva debuttare questa domenica, ma a causa di un infortunio dell’attore principale lo spettacolo è stato rimandato al 25 novembre, presso l’Auditorium di Loreto (ore 16,30).

“Giro Giro Mito” nasce da un’esperienza particolare: per tre anni un gruppo di liceali bergamaschi ha frequentato laboratori teatrali, che avevano come obiettivo mettere in scena spettacoli di fine corso dedicati al pubblico dei bambini della materna e della primaria. Il testo base cui si è fatto riferimento è “Le Metamorfosi” di Ovidio, sorta di enciclopedia della cultura mitologica. L’accoglienza del pubblico di bambini a questi spettacoli è stata entusiastica.

In scena due personaggi, maschio e femmina, che giocano a costruire il mondo. In una continua competizione a chi dirige il gioco, appaiono Apollo e Dafne, Narciso ed Eco, Re Mida, Aracne, Cerere e Proserpina… e tanti altri personaggi mitologici tratti dalle Metamorfosi di Ovidio, per decidere chi fra i due ha più fantasia, chi è più bravo, bello o forte. La messa in scena è basata sulla fisicità dei due attori e sulla possibilità di creare “scenografie” proiettate sui loro corpi.

Consiglio di lettura

“I miti sono storie che tutti conosciamo, o che ci pare di conoscere, da sempre. Anche se li dimentichiamo, essi restano in noi, dimenticati, e basta un nulla a riportarli in superficie. Sono nell’aria, aleggiano, abitano il mondo. E abitano anche il fondo di noi… da lì continuano a parlarci… Non esiste giusto o sbagliato nei miti. Esiste il racconto, sempre diverso, della stessa storia, nei secoli, nei millenni… Il mito è fatto di varianti. Si potrebbe dire che è un’unica, colossale e perpetua variante di sé stesso.”

Da “L’amore prima di noi” di Paola Mastrocola (Einuadi, 328 pagine, € 12,50)

I miti classici si possono benissimo leggere nella loro forma originaria (“Le metamorfosi” di Ovidio sono un testo che si può apprezzare, con diversi gradi di comprensione, a tutte le età). Il libro di Paola Mastrocola racconta i grandi miti d’amore come storie vere, la sua è una interpretazione fresca e diversa, perché i miti ci raccontano sempre storie nuove.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di analisi statistica, propri e di terze parti. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra pagina . maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi