Donizetti young: tutti gli appuntamenti musicali per bambini e ragazzi

Ha appena compiuto 221 anni e non è mai stato così giovane: Gaetano Donizetti è al centro di tante iniziative rivolte a bambini e ragazzi per introdurli al mondo della lirica.

Crescere un nuovo pubblico per l’Opera è il compito dei servizi educational di Fondazione Donizetti. Le iniziative, concentrate nella settimana di Festival, durano in realtà tutto l’anno. Qualche idea per avvicinare un ragazzino alla lirica? Innanzi tutto portarlo a teatro  (con il biglietto a un euro). E poi ancora: laboratori per le scuole, itinerari donizettiani, feste di compleanno,  riduzioni e adattamenti.

Le anteprime per i giovani

Anche quest’anno festival Donizetti Opera ha svelato in anteprima le opere in programma ai giovani dell’università e delle scuole superiori: il 20 e il 21 novembre, gli under30 hanno assistito a Enrico di Borgogna e Il castello di Kenilworth prima del pubblico tradizionale. Ricordiamo anche che per i bambini sotto i 10 anni il biglietto per tutte le Opere in scena è di un euro (un bambino per ogni adulto pagante).

Le scuole aderenti si sono preparata con un incontro  interattivo in classe a cura di MatèTeatro. “Spesso gli studenti con i quali entriamo in contatto non riconoscono nemmeno la faccia di Gaetano Donizetti – spiega Gambero, responsabile dei servizi educational di Fondazione Donizetti -, la nostra missione è fargli capire perché e importante e esserne orgogliosi. Ci avvaliamo della collaborazione di un’attrice perché non è una lezione accademica ma interattiva e lei sa come raccontare la trama dell’ Enrico di Borgogna e de Il castello di Kenilworth nel modo più efficace, inserendo riferimenti attuali. Proponiamo tre brani che rappresentano tre emozioni diverse (come la gioia, il tema amoroso, la tristezza) e chiediamo al solo ascolto di riconoscere a quali parte di libretto corrispondono”.

In più quest’anno Bergamo ospita una messa in scena di Opera Education di AsLiCo (Associazione Lirica e Concertistica Italiana) che quest’anno sarà L’Elisir d’Amore, l’11 aprile all’Auditorium di Piazza libertà (11.30-14.30). Anche in questo caso ci sarà la preparazione alla visione dell’opera, rivolta alla scuole superiori.

Rita a spasso

Donizetti scrisse il divertente atto unico “Rita” nella sua piena maturità e si avvicina molto al mondo dell’operetta e del musical, introducendo il tema del ribaltamento dei ruoli. “Da metà febbraio porteremo “Rita a spasso” nelle scuole superiori – spiega Elisa Gambero -. Il fatto di essere una piccola opera con solo tre personaggi la rende facilmente adattabile agli spazi scolastico”. Il viaggio di quest’opera nelle scuole del territorio sarà anche un’occasione di alternanza scuola/lavoro: la classe che aderisce e segue il progetto formativo sarà poi in grado di introdurre le altre classi allo spettacolo.

Il lavoro con gli  insegnanti

In questi giorni (27, 28, 29 novembre) i bambini della scuola primaria e della secondaria di primo grado assistono alla riduzione di Enrico di Borgogna, “Enrico Young”, elaborato durante il corso “Donizetti con una Z”, laboratorio permanente di formazione per appassionati e addetti ai lavori. Il gruppo di lavoro per “Enrico Young” è stato coordinato da Paolo Cascio e Francesco Micheli e da Paolo Ferrari di PromoScuola. Prima di assistere alla rappresentazione, gli insegnanti di Arte, Musica e Lingua coinvolti (formati precedentemente nel corso di due incontri) hanno preparato il lavoro in classe: i ragazzi faranno da coro all’opera, realizzano il loro stemma araldico personale, compongono (un pezzo per classe) un costume che andrà effettivamente in scena, scrivono poesie d’amore che i personaggi dell’Enrico Young pescano a caso da un’urna per dichiarare il loro amore.

Buon compleanno, Gaetano!

Tutti i partecipanti coinvolti per la recita del 29 novembre di “Enrico Young” festeggiano il compleanno di Gaetano Donizetti  prendendo parte alla tradizionale Elevazione Musicale in occasione del Dies natalis di Donizetti nella Basilica di Santa Maria Maggiore alle 10.30, deponendo poi i fiori sulla sua tomba.

Per le famiglie

Sabato 1 dicembre alle 16 all’Auditorium Fausto Begnis della Fondazione Carisma, andrà in scena lo spettacolo ad ingresso libero Gaetano, Gioppino e L’elisir d’amore con i burattini di Daniele Cortesi: lo spettacolo spiega, con libertà e fantasia, come potrebbe esser nata in Gaetano Donizetti l’ispirazione per comporre L’elisir d’amore, ed azzarda l’amicizia non impossibile tra il compositore Gaetano Donizetti e il personaggio di Gioppino Zuccalunga, entrambi bergamaschi ed entrambi nati sul finire del Settecento. Consigliata la prenotazione su donizetti.org.

La locandina dell'evento

Visite in Città Alta e laboratori

Da gennaio fino alle prime settimane di maggio, per le scuole dell’infanzia, elementari e medie  sono previste visite e laboratori per le scuole. “La prima parte consiste in una visita interattiva: da Colle Aperto ripercorriamo il percorso che faceva a piedi per andare a casa in Borgo Canale, poi andiamo in Piazza Mascheroni e al Teatro Sociale. Proponiamo tre tipi di laboratorio: musicale, scoprendo le emozione dell’Elisir d’amore e come il nostro corpo può fare musica. Un  laboratorio sui costumi, con tanto di foto prima e dopo, e uno di  drammaturgia con un attore”, racconta Elisa Gambero. C’è ancora disponibilità, cercando sul sito internet donizetti.org.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di analisi statistica, propri e di terze parti. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra pagina . maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi