Con BerGame alla scoperta dei giochi indie

Sabato e domenica al Polaresco la manifestazione dedicata ai giochi da tavolo. Non solo per nerd

Stufi dei soliti giochi? Non sapete più come e con cosa divertirvi? Allora fate un giro a BerGame, evento dedicato ai giochi da tavolo da non perdere nel prossimo finesettimana (18-19 maggio, Spazio Polaresco). Un grande e speciale happening ludico che coinvolge appassionati di giochi ma non solo. Perché giocare alla vecchia maniera, seduti in gruppo attorno a una plancia o a qualcosa di simile, sta tornando a essere un’abitudine diffusa e comune: un passatempo che unisce con intelligenza e carattere squisitamente sociale grandi e piccini.

Ok non sarà Modena Play e non avrà i suoi numeri ma poco importa. Giunto ormai alla nona edizione e organizzato come sempre dall’associazione Ludiverso-La Tana dei Goblin Bergamo, ogni anno BerGame attira centinaia e centinaia di persone che hanno solo un obiettivo in testa. Giocare e giocare. Ancora. Dal mattino fino a sera tardi. Roba da nerd? Macché, anzi. È l’occasione perfetta per gli appassionati, ma anche i semplici curiosi di tutte le età. 

Al Polaresco saranno presenti aficionados, youtubers, blogger, associazioni e negozi, autoproduttori e inventori che presenteranno le loro novità e le migliorie apportate alle loro creazioni. E ci sarà la possibilità di sfidarli, metterli alla prova e testare tanti prototipi inediti in oltre 30 tavoli tematici dove sbizzarrirsi, sperimentare e conoscere il mondo ludico bergamasco e non. Ovviamente l’ingresso gratuito e l’evento è no stop dalle 10 alle 24 con possibilità di ristoro.
Se ancora siete scettici abbiamo chiesto ad Adelaide Tommasi di Ludiverso di raccontarci cosa è BerGame.

Gioco libero (con baratto)
Se appena entrati al Polaresco vi sentite persi tra giochi, magliette colorate, tavoli e persone di tutte le età, rivolgetevi al banchetto informazioni: qui i ragazzi di Ludiverso saranno la vostra guida per farvi trascorrere la vostra giornata ludica ideale. Come? Al banchetto potrete fare il pieno dei giochi messi a disposizione dall’associazione: decine e decine di titoli e collezioni personali che si potranno usare liberamente nella zona “Gioco Libero” del BerGame.
Siete preoccupati di non conoscere nessun gioco? Nessun problema: i volontari sono lì per spiegarveli. “I giochi messi a disposizione con il servizio di prestito sono per lo più rivolti a ragazzi dai 10 anni in su, ma non mancheranno quelli per i più piccoli (dai 6 anni in su) – spiega Adelaide – Se siete invece giocatori incalliti e avete qualche vecchio gioco a prendere polvere del quale volete liberarvi, affidatelo al nostro servizio di baratto: uno scambio alla pari a prescindere dal valore del gioco. Gli troveremo volentieri una nuova ‘famiglia’”.

Associazioni
Al BerGame non ci saranno solo i ragazzi di Ludiverso (provate voi a gestire fino a 300 persone in una manciata di ore!). “Con noi per farvi giocare ci saranno il club Risiko! Le Mura di Bergamo, le associazioni Terre Ludiche di Palazzolo, Games Wonders e TinG Lab di Treviglio”. E per la prima volta al BerGame L’Antro del Drago di Brescia: “Le Associazioni, spina dorsale dell’evento, metteranno a disposizione giochi e ‘spiegatori’: il focus saranno sempre i giochi in scatola, ma se qualche gruppetto volesse provare l’esperienza dei giochi di ruolo avrà modo per vivere una bella avventura nei panni, magari, di una compagnia di avventurieri nelle lande del Faerun”.
Presenti anche il Board Game Empire di Bergamo, negozio di giochi in scatola che proporrà una selezione di giochi di simulazione storica adatti anche a neofiti e curiosi, e i ragazzi di The Dicetroyers, con i loro organizer, inserti e accessori per giochi da tavolo e di carte.

Autori
Se le associazioni costituiscono la spina dorsale del BerGame, gli autori sono l’anima e il cuore dell’evento. Senza di loro non ci sarebbero i giochi in scatola e metteranno a disposizione dei visitatori novità e prototipi inediti in differenti fasi di realizzazione, a pochi passi dalla pubblicazione, in stato avanzato di test o ancora in embrione. “Quest’anno porteranno le loro creazioni autori come Davide Bassanelli, Danilo Sabia o Ivan Gariboldi, con noi fin dalla prima edizione, ma anche tanti inventori al loro primo prototipo – conferma Adelaide – Verranno da tutto il Nord Italia per presentare, testare, scambiarsi esperienze e idee”.

Tornei
Siete competitivi e volete misurarvi con altri giocatori? E allora basta sedersi nell’area dei tornei e provare a battere amici e sconosciuti. Quest’anno sono ben tre le competizioni organizzate durante il BerGame.
L’appuntamento con il gioco più popular di sempre, il classico dei classici, è con Risiko! (attenti che rovina le amicizie… e non solo). Il torneo è in programma domenica alle 10.30 (organizzato dal club Risiko “Le Mura” di Bergamo).
Sempre domenica alle 15 ci sarà il torneo “Tòncc per Töcc”, organizzato per la 27esima volta da Davide Bassanelli, l’autore che dal 2016 cura personalmente grafica e regole di questo gioco la cui confezione è interamente fatta a mano e numerata. Per chi non lo sapesse Tóncc, in dialetto bergamasco per “tondi” o “piatti”, è un gioco da tavolo di strategia che vanta regole minimali, solide e ben congegnate.
Infine sabato alle ore 15 torneo di Klask (a cura dell’Associazione TingLab di Treviglio), la versione 2.0 dell’hockey da tavolo con due birilli (attaccanti) governati da un magnete posto al di sotto del tavolo, una pallina gialla e tre magneti a fare da ostacoli.

Conferenza e tavola rotonda
Tanto gioco ma anche cultura. Per tutti coloro che vogliono approfondire alcuni aspetti legati al mondo del gioco BerGame propone la conferenza “Parole in gioco, quando parlare è una cosa seria” e la tavola rotonda sulla didattica ludica moderata dall’educatore Matteo Sassi.
La conferenza, è incentrata sul tema della parola nel mondo ludico: dopo una breve presentazione dei relatori (Andrea Dado, Alberto Decostanzi, Danilo Sabia e Mauro Annino) si concentrerà sui giochi fondati sulla comunicazione o sull’assenza di comunicazione, sulla comunicazione verbale positiva e in negativo durante il gioco e sulle espressioni che fanno parte del lessico del giocatore.
La tavola rotonda, invece, sarà un momento di confronto su come i mondi dell’educazione e dell’insegnamento possano connettersi al mondo dei giochi e in questo la guida di Matteo Sassi, blogger di EducereLudendo potrà dare un valido contributo.

Per altri dettagli seguite l’evento legato alla pagina Facebook Ludiverso-La Tana dei Goblin Bergamo o mandate una mail a ludiverso@gmail.com.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di analisi statistica, propri e di terze parti. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra pagina . maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi